Home Progetto SIRIO Cecità Ipovisione Ipoacusia

Con il termine "sindrome dislessica" si comprendono, oltre alla dislessia (difficoltà di lettura), anche i disturbi definiti come disgrafia (cattiva grafia), disortografia (frequenti errori ortografici), discalculia (difficoltà nel calcolo e nella manipolazione dei numeri). Dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia sono disturbi specifici dell’apprendimento (DSA). Sempre più si tende, comunque, ad utilizzare la definizione comune di dislessia per comprendere anche le altre difficoltà. Si può definire la persona dislessica come persona intelligente, senza difficoltà emotive, né sensoriali, né carenze culturali che possano giustificare le difficoltà di lettoscrittura.

Per chi presenta un disturbo specifico dell’apprendimento esistono varie soluzioni hardware e software che consentono, almeno parzialmente, di aggirare gli ostacoli alla letto-scrittura. A ciò si aggiungono software didattici con valore riabilitativo e app didattiche per tablet e smartphone. Una proposta è il tablet per l'avviamento alla lettoscrittura in fase prescolare, con attività mirate alla prevenzione dei DSA.

Un sistema di riconoscimento ottico dei caratteri con sintesi vocale chiamato SIRIO OCR MOBILE, permette di importare tramite scanner o telecamera i documenti che contengono testo e farli leggere alla sintesi vocale (di ottima qualità). In questo modo è possibile far leggere al computer le parti scritte di giornali, libri di testo, ecc. Questo sistema risulta particolarmente indicato per soggetti affetti da dislessia. Nel caso sia possibile utilizzare documenti in formato digitale (come ad esempio alcuni libri, facilmente reperibili in internet), un programma con sintesi vocale (di ottima qualità) può rileggerli, eventualmente accompagnando la lettura con la sottolineatura delle parole, sempre per aiutare i soggetti con problemi di dislessia. Per controllare la correttezza di quanto scritto (in caso di disortografia), è importante utilizzare un programma di videoscrittura che possa ripetere quanto scritto.

Per quanto concerne la scrittura invece, Il riconoscimento vocale consente la scrittura tramite dettatura e non produce errori di tipo ortografico. La sintesi vocale incorporata legge qualsiasi testo venga importato nel programma. Risulta di indubbia efficacia per problemi di dislessia, disortografia e disgrafia. Uno strumento completo anche da questo punto di vista è il SIRIO COMMUNICATOR, che include la previsione di parola ed il controllo ortografico per ottimizzare le performances in scrittura anche nei casi di disortografia.

Autismo. La Teoria della Coerenza Centrale Debole (chiamata anche Teoria della Coerenza Centrale) suggerisce che uno stile percettivo-cognitivo, vagamente descritto come una capacità limitata per comprendere il contesto o per “vedere il quadro generale”, sottostà alla perturbazione centrale nell'autismo e agli altri disturbi relazionati con lo spettro autistico. La Teoria della coerenza centrale cerca di spiegare come alcune persone diagnosticate di autismo possono dimostrare alcune capacità straordinarie in materie come la matematica e l'ingegneria, e ciononostante hanno grosse difficoltà con le capacità del linguaggio e mantengono la tendenza di vivere isolati dalla vita sociale. Questa teoria si trova tra i modelli concettuali più prominenti che cercano di spiegare le anormalità delle persone con autismo, nelle attività che coinvolgono i processi cognitivi globali e locali. Uta Frith, della University College London, presentò la sua Teoria della Coerenza Centrale Debole alla fine degli anni ’80. Frith suppose che le persone con tratti autistici pensano tipicamente sulle cose in termini dei loro componenti più piccoli possibili. La sua ipotesi è che i bambini con autismo percepiscono i dettagli meglio che le persone normali,  ma che sono incapaci di comprendere o di percepire cos'è importante in una situazione, perché danno molta importanza ai dettagli ("vedono gli alberi, ma non la foresta"), condizione che è al di fuori del loro controllo o volontà. Il software nasce dalla viva esperienza didattica nella scuola ed è una raccolta di strumenti multimediali per la strutturazione della didattica in modo coerente con i bisogni degli allievi autistici: le scelte grafiche e di presentazione dei contenuti sono coerenti con le loro caratteristiche percettive e le strategie, i metodi e i materiali che vi sono suggeriti sono di fatto “strumenti organizzatori” della didattica del docente.

Dsa, Dislessia, Sindrome di Asperger. La Sindrome di Asperger è considerata un disturbo dello sviluppo imparentata con l'autismo e comunemente considerata una forma dello spettro autistico "ad alto funzionamento". Il termine "Sindrome di Asperger" venne coniato dalla psichiatra inglese Lorna Wing in una rivista medica del 1981; la chiamò così in onore di Hans Asperger, uno psichiatra e pediatra austriaco il cui lavoro non venne riconosciuto fino agli anni novanta. Gli individui portatori di questa sindrome (la cui eziologia è ancora ignota) sono caratterizzati dall'avere una persistente compromissione delle interazioni sociali, schemi di comportamento ripetitivi e stereotipati, attività e interessi molto ristretti. Diversamente dall'autismo classico, non si verificano significativi ritardi nello sviluppo del linguaggio o dello sviluppo cognitivo. Alcuni sintomi di questa Sindrome sono correlati ad altri disturbi, come ad esempio il disturbo dell'apprendimento non-verbale.

La componente software del Sirio Communicator dedicata è atta a costruire Mappe Multimediali, cioè mappe concettuali, mappe mentali o schemi che contengono elementi multimediali che arricchiscono le opportunità di apprendimento e di compensazione della Dislessia e Sindrome di Asperger. Il programma rende quindi rapida la realizzazione di mappe concettuali anche complesse ed offre strumenti di razionalizzazione e rappresentazione delle idee molto avanzati, con modalità di personalizzazione grafica funzionali per mappe altamente funzionali e allo stesso tempo gradevoli e di immediata lettura. Le ultime versioni del software consentono di integrare file e documentazione nelle mappe, trascinandoli semplicemente con il mouse: è possibile creare collegamenti tra mappe e di condividerle attraverso archivi on line. 


Home
Progetto SIRIO
Cecità
Ipovisione
Ipoacusia
Comunicazione
DSA
Contatti
 

 
Site Map